A cura di
Andrea Quaranta
Giurista ambientale

DIRITTO DELL'AMBIENTE

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

DIRITTO DELL'ENERGIA

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

AA.VV. - Coordinamento di Andrea Quaranta

Responsabilità ambientale e assicurazioni

IPSOA

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

ACCETTA I COOKIE
PER VISUALIZZARE
IL CONTENUTO

/Bonifica dei siti contaminati

Diverso livello di concentrazione dei fattori inquinanti
28/05/2012

L’art. 242 del TUA correla le varie tipologie di interventi al diverso livello di concentrazione dei fattori inquinanti, che assumono in ogni caso rilievo, in una prima fase, per il solo rischio potenziale di alterazione dell’ambiente: pertanto, a fronte dell’inosservanza di un’ordinanza di predisposizione di un “progetto di bonifica ambientale”, risulta necessario avviare una verifica d’ufficio dello stato dei luoghi, anche a mezzo dell’effettuazione dell’analisi di rischio del sito, per poter poi disporre le operazioni necessarie.

Subprocedimenti; natura esoprocedimentale; autonoma impugnabilità
21/03/2012

All’interno del più ampio procedimento di bonifica possono ricorrere più passaggi o sub procedimenti che danno vita a fasi di attività distinte, che trovano la loro sede naturale di manifestazione in conferenze sia di natura istruttoria e sia di natura decisoria. Queste ultime, recano statuizioni che assumono valenza esoprocedimentale ed esterna, effettivamente determinativa della fattispecie e incidente sulle situazioni degli interessati, solo con l’adozione del provvedimento finale (cfr. Cons. St., VI, 18 aprile 2011 n. 2378). Di conseguenza, avendo ciascuna conferenza (e il relativo decreto che ne consacrava l’esito mediante approvazione del relativo verbale) dato vita ad una pronuncia definitiva su ciascuna istanza, ne consegue che la stessa, ove ritenuta insoddisfacente, per effetto delle condizioni o prescrizioni imposte alla pronuncia di accoglimento dell’istanza...

Porto di Marghera: preavviso ai soggetti destinatari dei provvedimenti
05/03/2012

In materia di bonifica dei siti contaminati, l’amministrazione procedente deve preavvisare i soggetti destinatari dei provvedimenti contenenti prescrizioni volte alla bonifica dei siti stessi, in modo da consentire il loro intervento nel procedimento per ogni utile collaborazione sulla situazione dei luoghi in modo e sul contenuto dei provvedimenti più opportuni da adottare.

Bonifica - Ammissibilità
15/02/2012

L’art. 11 del d.m. n. 471/99 si riferisce alla possibilità di articolazione “per fasi” della bonifica in virtù della particolare complessità per la natura degli interventi (ovvero per estensione dell’area), mentre l’Allegato 4, II, 9 a tale d.m. richiede una dettagliata motivazione del progetto preliminare dal punto di vista tecnico, di sicurezza ambientale e di tutela della salute pubblica della richiesta di modifica progettuale in tal senso.

Potere di ordinanza della Provincia ex art 244 d.lgs 152/06 - Ripristino di siti contaminati
09/02/2012

Al principio chi inquina paga consegue, come corollario, che non può ammettersi un sistema sanzionatorio o anche di tipo preventivo il quale si apra ad ipotesi di responsabilità oggettiva o per fatto altrui. E’ questo il senso della norma in forza della quale la provincia può emanare l’ordinanza ex art 244 d.lgs 152/06 dopo aver svolto opportune indagini volte ad identificare il responsabile dell’evento di superamento. Il potere di ordinanza affidato all’ente provinciale poggia, dunque, sulla compiuta verifica delle responsabilità relative alla contaminazione di un sito, in linea con un sistema che annovera tra le sue funzioni anche quella sanzionatoria. Esso non può dirigersi verso il proprietario incolpevole del sito...

Grafica: Andrea Quaranta © 2008-2017 Andrea Quaranta - P.IVA: 07754551005
Privacy Policy
Disclaimer Powered by Diadema Sinergie Hosting: EastItaly